Ho letto recentemente un libro scritto da un fisico “Einstein aveva ragione: Dio non gioca a dadi” W. Cassani-Demetra Ed. in cui si parla di una teoria, la teoria ondulatoria del campo che avrebbe superato i problemi della meccanica quantistica riunificandola con la relatività. Postula uno spazio-tempo non continuo e infinito, una quinta forza repulsiva e dà una nuova spiegazione del cosmo. Cosa c’è di vero?

“In natura ogni sistema tende a portarsi allo stato con minor contenuto di energia”.Di questa affermazione non mi è chiara una cosa:di che tipo di energia si tratta? Cioè, un sistema tende a raggiungere il minor contenuto della sua energia complessiva (cinetica + potenziale) o della sola energia potenziale? O della sua energia interna (che poi è energia potenziale, giusto?)? Potreste chiarirmi questo dubbio, per favore? Grazie

1) Come si possono immaginare 10 dimensioni spaziali se fatichiamo a comprenderne tre? E come sarebbe il mondo a 10 dimensioni, che sarebbero necessarie per la formulazione di una super-teoria unificata? 2) La string theory e’ consistente solo se lo “space time” ha 10 o 26 dimensioni invece delle solite 4 (l’ho letto nel libro di Hawking). Quello che non capisco e’ se si deve aggiungere 6+4 per le 10, e 22+4 per le 26, o se sono separate dalle solite 4, e non riesco a immaginare la loro forma. E’ possibile avere una indicazione bibliografica?

Ho letto sul sito Kataweb-motori di qualche mese fa la notizia che in Italia nel prossimo anno verranno costruite 10 fabbriche di macchine (automobili) che avranno la caratteristica di funzionare ad aria compressa. La notizia mi è sembrata rivoluzionaria, ma parlandone con gli amici mi è venuto qualche dubbio. Tecnicamente è possibile che la pressione creata da un compressore sia sufficiente a muovere una cilindrata di 1000 cc? Come mai il sito Kataweb da origine a questo genere di notizie che altre riviste specializzate non si sognano di prendere in considerazione?

Vi prego di aiutarmi a risolvere questo attraente quesito: un uomo vuole attraversare un fiume largo 500 m. Egli rema con velocità (relativa all’acqua) di 3 Km/h, mentre la velocità della corrente è 2 Km/h. Se l’uomo può camminare sulla riva a 5000 m/h, QUALE PERCORSO DEVE COMPIERE (in barca e a piedi) per raggiungere il punto opposto a quello di partenza nel minor tempo possibile? (quanto tempo ci impiega?)

Ho sentito parlare di nuovi carburanti ecologici derivati da oli vegetali quale quelli di colza (diesteri dell’olio di colza) utilizzabili in alternativa al comune gasolio per autotrazione. Vorrei sapere per quali motivi (se ce ne sono) questo tipo di carburante non è stato introdotto in misura massiccia visti anche gli aumenti del prezzo del petroli. Inoltre vorrei sapere per quale motivo in italia non vengono sfruttati come componenti per le benzine gli alcooli che si possono ottenere per ossidazione dagli zuccheri.

La legge di Stevino dice che in un recipiente contenente un fluido, p = g*d*h. La mia prof. di fisica ha detto che Stevino ha ricavato tale legge dalla definizione stessa di pressione. Infatti: p = P/S = m*g/S = V*d*g/S = S*h*d*g/S = d*g*h. Ma V = S*h solo nel caso in cui il recipiente ha una forma regolare. Come si spiega la validità di tale legge anche nel caso di recipienti con forma irregolare? p(pressione), h(livello), d(densità), g(accelerazione gravitazionale), P(peso), S(superficie), V(volume), m(massa).