Sull’Omeopatia: Fin da piccolo sono stato spesso curato con medicine omeopatiche dai miei genitori e avevo giá notato la loro scarsa efficacia (mio padre peró sostiene che, quando ero molto piccolo, troppo per considerare un effetto placeboalmeno su di me, ci sono stati diversi casi in cui i medicinali omeopatici sono gli unici che abbiano avuto effetti positivi nel curarmi malattie non gravi, ad es influenze o bronchiti se ben ricordo). Leggendo in questo sito e in quello del CICAP ho poi appreso la non scientificitá di questo tipo di cura i cui preparati, se ho ben capito, dovrebbero essere composti unicamente da acqua. Ho peró notato, prendendo delle fialette (Echinacea Compositum S e Echinacea Compositum Forte S) il sapore leggermente salino del liquido. Lasciando inoltre delle fialette aperte con un residuo di liquido si é formato, dopo l’evaporazione, un deposito bianco tipo calcare. Ho inoltre visto, sulla scatola del prodotto, un elenco dei componenti del prodotto stesso che ho letto non essere necessario per medicinali omeopatici. Vorrei quindi sapere di piú sul fatto che l’echinacea sembri veramente contenere qualche prodotto diverso da acqua distillata (forse l’omeopatia si sta muovento verso cure di tipo erboristico?) e sualla possibilitá di un effetto palcebo sui miei genitori per quanto ho raccontato all’inizio della domanda. Grazie

Complimentandomi per il sito, avrei una domanda da porre. Io sono un soggetto particolarmente sensibile all’inquinamento elettromagnetico, da poco tempo mi sono sposata e mio marito desidererebbe avere un letto in ferro battuto. Da alcune persone sono stata messa in guardia su possibili peggioramenti che questo tipo di letto potrebbe arrecare alla mia salute. Vorrei sapere da Voi se realmente un letto in ferro potrebbe accentuare la mia sensibilità verso questi problemi o se si tratta solo di voci inconsistenti. RingraziandoLa vivamente per la sua disponibilità, Le porgo cordiali saluti. Daniela Versaci

Sui sogni premonitori: 1) Alcune volte, quando una persona sogna e riceve dei numeri da una persona a essa cara, giocandoli vince. Cosa c’è di vero nei sogni di una persona che, nel futuro, poi si avverano nella realtà? 2) Anni fa avevo un cane che saltava sempre per essere preso in braccio o per giocare. Un giorno per sfortuna urtò con la testa su un mobile e svenne creandosi così un’ematoma a livello celebrale e poi morì. Mia figlia sognò dopo due giorni il cane che gli diede 5 numeri che noi giocammo e vincemmo una somma pari a quella che dovevamo usare per comprare un altro cane. Questo cane che adesso ho ancora, è nato lo stesso giorno che è morto quell’altro. È solo una coincidenza o è da attribuirsi ad un caso spirituale?

Un articolo pubblicato su “Donna” (supplemento di “Repubblica” del 6 marzo) descrive l’agopuntura come una pratica curativa dall’efficacia ormai assodata, ingiustamente discriminata dall’ottusa scienza ufficiale (!). Tra l’altro si cita un esperimento condotto alla fine degli anni Ottanta presso l’istituto di Medicina nucleare dell’Ospedale Maggiore di Bologna da Carlo Maria Giovanardi, esperimento secondo cui “iniettando in un particolare punto un isotopo radioattivo, il tecnezio, è possibile seguirne il percorso esattamente lungo il meridiano. Se invece il tecnezio viene iniettato in un’area adiacente si forma una sorta di lago; la sostanza non si sposta lungo i canali energetici”. Altre prove sembrerebbero provenire dalle immagini prodotte con la Pet, che “mostrano che gli aghi modificano l’attività delle regioni del sistema nervoso centrale che coordinano la percezione del dolore” (Wen-Ching Liu, docente di Radiologia alla University of Medicine and Dentistry del New Jersey), e dall’esperimento di Streitberger (anestesista dell’Università di Heidelberg). Come valutare questi esperimenti?