News originale in inglese: 1994-05 - Immagini e filmati

Immagini di una stella brillante nella Grande Nube di Magellano

I tre riquadri mostrano le immagini di una stella insolitamente luminosa (appartenente alla classe delle stelle di Wolf-Rayet). Melnick 34, questo è il suo nome, si trova in una gigantesca regione di formazione stellare chiamata 30 Doradus nella Grande Nube di Magellano. Sullo sfondo sono visibili stelle più deboli, di splendore paragonabile al nostro Sole.

A sinistra è visibile la migliore immagine ottenibile da un telescopio terrestre (cortesia del Dr. Georges Meylan dell’ESO). Le condizioni climatiche della ripresa erano eccezionali: la risoluzione è di 0,6 secondi d’arco.

Al centro l’immagine della WFPC-1 cioè prima della riparazione delle ottiche del telescopio spaziale. Il vantaggio di operare al di fuori dell’atmosfera terrestre è evidente: è scomparsa la confusione derivante dal tremolìo dell’atmosfera e sono visibili molte più stelle. Purtroppo gli effetti dell’aberrazione sferica dello specchio primario di HSt si manifestano come un alone del diametro di quattro secondi d’arco intorno alla stella più luminosa. E’ dunque molto difficile effettuare misure di valore scientifico, dato che l’energia luminosa viene sparpagliata su un’area che include altre stelle.

A destra lo stesso campo ripreso dalla nuova WFPC-2 che recava incluso un sistema ottico correttivo. Con un tempo di esposizione equivalente all’immagine al centro, stavolta si ottiene un’immagine più incisa perché la luce rimane concentrata in un picco anziché essere sparpagliata. Il miglioramento si mostra anche per l’incremento della quantità di stelle deboli visibili nel campo. Ciò è dovuto al fatto che la loro debole luce rimane concentrata e, sommandosi, sopravanza il rumore di fondo. Nell’immagine centrale invece la debole luce si distribuiva e annegava nel rumore di fondo. Finalmente sono possibili precise misure di luminosità.